Il filo di canapa, l’assalto ai luoghi comuni della cannabis Cultura,Libri

phpGvpTqY4892[1]A cura di Paola Sartoni

Presentato a Lucca Libri nelle scorse settimane, con l’autorevole sostegno di Alessio Ciacci, questo libro affronta tutti gli aspetti legati a questo vegetale tanto controverso. La cannabis sativa è una pianta che cresce senza aiuto chimico e sequestra anidride carbonica: un vero rimedio all’impoverimento del terreno su cui cresce e dell’ambiente circostante.

I suoi semi e il suo olio sono veri super alimenti, ricchi di proteine. La canapa è “costruttiva”, un mattone perfetto per una casa in bioedilizia, con grande risparmio energetico e di emissioni. La sua fibra si trasforma in tessuti sani, resistenti e sostenibili. Ma non solo: i suoi princìpi possono lenire il dolore di gravi malattie e curarne altre.

Chiara Spadaro, antropologa e giornalista ambientale, ne spiega i molteplici utilizzi (sono decine di migliaia i prodotti che si possono ricavare): come alternativa alla petrolchimica, si possono produrre plastiche resistenti, ma biodegradabili; al cotone, la canapa è più ecologica e resistente; alla carta da cellulosa, ha una resa in fibra per ettaro 4 volte superiore a quella degli alberi. Ma il libro fa anche  il punto sul dibattito in corso e  risponde a dubbi e curiosità, comprese le norme in vigore e quelle messe in discussione.
Per esempio pochi ancora sanno che a partire dal 2007 la cannabis terapeutica è legale in tutta Italia e che può essere rimborsata dal Sistema sanitario regionale: viene usata come analgesico in dolori cronici di tipo neurologico o in patologie come la sclerosi multipla, il glaucoma, la sindrome di Tourette e per attenuare la nausea causata dalla chemioterapia. Sull’uso dei semi e dell’olio di canapa in cucina, cosmetica e bioedilizia il libro fornisce dati ed interviste di grande interesse.
Chiara Spadaro “Il filo di canapa” Ed. Altreconomia   (8 euro)

Sempre per Altreconomia ha scritto in precedenza  “Adesso pasta” (2011), “Piccolo è meglio” (2012), “Vademecum per la biodiversità quotidiana” (2013) ed “Il pane e la madre” (2014)

Il filo di canapa, l’assalto ai luoghi comuni della cannabis
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)

Rispondi