“Investire sui poveri”, controcorrente …. Cultura,Libri

di Paola Sartoni

Questo libro dal titolo provocatorio (“Investire sui poveri – Padre Vilson Groh e una proposta educativa di frontiera” di Antonio Polselli, Edizione Città Nuova) m’è arrivato tramite l’amica di un’amica.

L’ho inizialmente sfogliato dubbiosa e poi man mano mi ci sono appassionata. L’autore è un direttore didattico da anni impegnato col Movimento di Cooperazione Educativa (a proposito, consultate il loro sito e ne troverete di notizie, da Mario Lodi al reclutamento di docenti volontari per le attività estive coi bambini nei comuni terremotati!). Polselli scrive in modo chiaro partendo da una descrizione planetaria della globalizzazione per arrivare all’analisi di una singola esperienza: l’intercultura praticata nel progetto in rete “Aquilone” iniziato nel 1991 da un sacerdote brasiliano che ritiene che investire sui poveri produca ricchezza.

“Mettere piccole cose insieme alle grandi” rappresenta – com’è scritto nell’introduzione – il metodo di lavoro proprio della prospettiva pedagogica alla quale s’ispira l’autore del volume, la prospettiva di Freinet, Freire, Ferreiro dietro la quale si avverte pure l’eco della teologia della liberazione.

Da qui, in gioventù, ero partita per approdare al marxismo e qui la ritrovo nell’esperienza di educatori credenti che hanno seguito un percorso forse meno dirompente del mio ma indubbiamente più rigoroso. E così il viaggio dentro questo libro è stato un vero viaggio interculturale che “è un viaggio difficile, dove io vado a trovare un altro, mentre lui viene a trovare me”.

A chi consiglio questo viaggio? Ai giovani , di qualunque credo o non credo, che vogliono capire in modo chiaro cosa significa la globalizzazione, nel bene e nel male. A tutti quelli che, di questo mondo globale, s’indignano per le esclusioni e le forme di povertà. Agli educatori che ancora si battono per una pedagogia interculturale. Agli idealisti e agli utopisti che continuano a perseguire obiettivi di giustizia sociale e di vita dignitosa per tutti. Ai cosiddetti uomini e donne di buona volontà, insomma.

“Investire sui poveri”, controcorrente ….
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)

Recent Comment

  1. Paola S.

    Dimenticavo; l’autore è disponibile ad approfondire i temi trattati con quei lettori che ne fossero interessati. Ecco dunque la sua e-mail: pol.an@libero.it

Rispondi